Alcune considerazioni sul consiglio comunale del 26 maggio 2015

Invece del solito resoconto punto per punto sull’ultimo Consiglio Comunale come consiglieri della lista Verdello di Tutti, preferiamo fare alcune considerazioni su taluni aspetti specifici.

Si doveva approvare il Conto Consuntivo 2014 che è stato deliberato a maggioranza con il voto contrario della nostra lista. Il nostro voto contrario nasce dalla opposizione già manifestata in sede di bilancio di previsione per le scelte amministrative prese dall’attuale maggioranza.

In particolare abbiamo segnalato come siano stati ipotizzati una serie di interventi nessuno dei quali realizzato: non è stata sistemata la palestra della scuola media, non sono stati avviati i lavori di adeguamento degli impianti sportivi, non è stata neppure lontanamente avviata la procedura per la tangenziale per la quale non c’è il progetto esecutivo.

Abbiamo rilevato che le spese per il personale comunale sono in continua diminuzione (2012 € 873.000, 2013 € 853.000, 2014 € 758.000). In tre anni si sono persi circa 120.000 €. Il patto di stabilità fissa come limite di spesa per il personale la cifra dell’anno precedente, per cui abbassando questa spesa si perde la possibilità di investire in tale settore: ridurre il personale del comune significa ovviamente ridurre i servizi offerti ai cittadini.

Abbiamo sottolineato che nel corso del 2014 le multe incassate sono 27.000€ (contro i 50.000 e gli 80.000 € di alcuni anni fa) e questo dato sarebbe molto positivo se significasse che nel nostro paese le regole stradali vengono rispettate con grande solerzia dai cittadini. In realtà è sotto gli occhi di tutti la situazione di parcheggio “selvaggio” che è la costante di alcune zone del nostro paese. Le multe non vengono date e ciò invita al lassismo e al non rispetto delle regole. Forse sarebbe meglio ripristinare una strategia volta al rispetto delle norme stradali da perseguire anche con il sanzionare i comportamenti scorretti con le multe. Per altro in un momento di difficoltà per i comuni questo consentirebbe di incassare soldi da utilizzare per la comunità in modo pienamente legittimo invece che aumentare le tasse.

Quello che lascia allibiti nelle risposte fornite dai consiglieri di maggioranza è che non avendo motivazioni a favore delle loro scelte travisano le nostre obiezioni:
La tangenziale non si fa per colpa delle amministrazioni precedenti di Verdello di Tutti che anziché pensare alla tangenziale si sono preoccupati di abbellire il paese. Ovviamente si dimenticano che, durante l’amministrazione Brolis, con Bettoni presidente, era in programma una superstrada che scorreva tra la statale 42 e la statale 525 e che doveva fare da alternativa ad entrambe. Era inoltre prevista una strada che da Comun Nuovo doveva arrivare sulla Francesca; Comun Nuovo ha realizzato la strada ma non ha potuto collegarla alla Francesca per il rifiuto del sindaco di Spirano che nel frattempo era cambiato. Solo durante l’amministrazione Agostinelli si è ipotizzata la realizzazione della tangenziale dopo aver constatato il fallimento delle altre opzioni. Non è stata dunque incapacità di capire l’esigenza di una tangenziale, ma volontà di risolvere il problema con gli interlocutori istituzionali che devono curare questi aspetti. Del resto il problema vero di oggi è pensare un progetto realistico che possa poi concretizzarsi. E non mi pare che questa amministrazione abbia trovato soluzioni al momento praticabili. Forse se avessimo quel tratto di collegamento a via della Repubblica che loro hanno immediatamente coperto sarebbe stato di aiuto per noi Verdellesi.

Per altro in questi ultimi mesi si è ripresa l’ipotesi del completamento della strada Comun Nuovo/ Spirano come strada che parte dalla bretella della Tangenziale Sud a partire da Stezzano. Il comune di Spirano è d’accordo, ma il nostro sindaco ha dichiarato di non essere interessato a questa soluzione, ma solo alla sua tangenziale. La giunta Albani governa ormai da 6 anni e sinora non ha né abbellito il paese né realizzato alcunché di ciò che continua a ipotizzare.

Altra risposta bizzarra è stata fornita alla nostra segnalazione relativa alle multe e i parcheggi selvaggi e pericolosi. L’Assessore Maracani in un lunghissimo discorso ha spiegato quanti incarichi hanno i vigili, come se noi avessimo voluto incolpare i vigili del mancato introito delle multe. In realtà sappiamo che è una specifica scelta di questa amministrazione il non voler multare e quindi autorizzare la trasgressione delle norme stradali.

Per quanto riguarda le nuove delibere sulle tasse comunali il nostro voto è stato ancora una volta contrario perché abbiamo rilevato che ai possessori di 2^ casa, di terreni agricoli, di aree fabbricabili, di unità immobiliari ad uso produttivo che pagavano nel 2014 lo 0,9% di IMU e lo 0,1% di TASI si è ridotta la tassa allo 0,96%. Solo ai possessori di case di lusso (quattro nel nostro comune) si è aumentato dallo 0,4 di IMU e 0,1% di Tasi allo 0,96%.  Ci è stato detto che non siamo contenti nemmeno se si fanno sconti. Sì, non siamo contenti se si fanno gli sconti a chi ha seconde case e si aumenta poi l’Addizionale comunale IRPEF pagata da tutti coloro che hanno un reddito, e certamente dai lavoratori dipendenti e pensionati, essendo direttamente trattenuta sullo stipendio. Il consiglio ha infatti approvato l’aumento di questa tassa dallo 0,5% allo 0,67% con un aumento del 33%.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.